Il Ducato di Modena su Regni Rinascimentali
 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi
 

  Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Calma

Calma

Numero di messaggi : 25
Data d'iscrizione : 29.06.19

 Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano Empty
MessaggioTitolo: Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano    Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano EmptyVen 19 Lug 2019, 22:50

Citazione :
Trattato di cooperazione giudiziaria tra il Ducato di Modena e il Ducato di Milano.

Articolo I - del principio di cooperazione
1. Le parti contraenti riconoscono il principio che nessuno può infrangere la legge e sfuggire alla giustizia locale.
2. Se un soggetto viene accusato in una delle due provincie contraenti, verrà sottoposto alle leggi e ai costumi del luogo per il crimine ascrittogli.
3. Ogni individuo che abbia infranto la legge vigente nel territorio di uno dei due contraenti dovrà, su richiesta, essere ricercato.
3.1 Una volta trovato, l'imputato dovrà essere, di comune accordo, messo a giudizio dall’autorità giudiziaria del paese in cui è stato individuato.
4. Il comune accordo prevede una piena e fattiva cooperazione tra pubblici ministeri e giudici dei due paesi, che garantisca all'imputato lo stesso giudizio che avrebbe ricevuto dallo stato ove commesso il crimine.

Articolo II - della procedura di giudizio
1. Il pubblico ministero ricorrente redige l'atto d'accusa premurandosi di fare apparire le leggi sui quali l'atto si basa.
1.2 Il pubblico ministero ricorrente trasmetterà l'atto di accusa al suo omologo insieme alle prove a carico dell'imputato.
2. Il giudice richiedente, ricevuti i dettagli del processo, redigerà la sentenza premurandosi di fare apparire le leggi e le prove pervenute.

Articolo III - della cooperazione dei Prefetti e del corso della giustizia
I membri della prefettura delle parti firmatarie si impegnano a collaborare attivamente affinché le leggi dei due paesi siano rispettate, in particolare:
- condividendo le loro informazioni sugli individui o gruppi di individui identificati come potenzialmente pericolosi;
- facendo rispettare la giustizia quando un crimine sia stato commesso e l'accusato si trova sul territorio di uno dei due contraenti. La procedura prevede l'emissione di una richiesta destinata a procedere all'indagine, all'arresto, alla messa sotto accusa ed al giudizio della persona imputata.

Articolo IV - della richiesta
1. La richiesta viene emessa dal Prefetto o dal Pubblico Ministero ed inviata alla controparte con specificate la data, i nomi degli individui denunciati, il crimine ed il luogo in cui esso è avvenuto con annesse le leggi infrante, il tutto corredato dalle prove di cui si è in possesso.
2. Si specifica che richieste e sentenze dovranno rispettare la Carta dei Giudici, nonché i dettami imposti dagli Altissimi: se le parti contraenti individuano qualcosa non in linea con queste specifiche, devono indicarle alla controparte, ed agire secondo legge. In caso di dubbi, è consentito ai giudici chiedere consiglio legale alla corte responsabile.

Articolo V - delle disposizioni allegate
Le modalità allegate, in particolare quelle relative ai diritti degli accusati saranno discusse dai Giudici, Pubblici Ministeri e Prefetti dei contraenti, i quali provvederanno ad inviare copia del processo al richiedente.

Articolo VI - degli inadempimenti al trattato
1. Qualora uno dei due contraenti ritenga che l'altro non abbia rispettato i propri impegni, potrà sospendere gli obblighi derivanti dal trattato, fino all'esito di una consultazione sulla questione.
2. Nel caso in cui l'attuale trattato venga infranto e si apra una disputa volta ad accertare le colpe, la corte responsabile sarà a capo di tutta la questione. Le sue decisioni devono essere applicate e rispettate.

Articolo VII - della modifica del trattato
Per consenso reciproco, la riscrittura del trattato può essere effettuata nella sua integrità o parzialmente.

Articolo VIII - del termine del trattato
Il contraente che desidera porre fine al presente trattato dovrà fare pervenire una lettera ufficiale all'altro contraente. Quest'ultimo dispone di sette giorni per prendere atto. In assenza di una risposta ufficiale, il presente contratto è considerato annullato passati questi termini. Le parti contraenti si impegnano a pubblicare in modo ufficiale una lettera che precisa l'abrogazione del contratto.

Articolo IX - dell'entrata in vigore del trattato
Il presente trattato entra in vigore senza limitazione di tempo dopo la ratifica da parte dei contraenti, che impegna le loro terre ed i loro popoli.


Per Milano:
 Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano Th8qraw
Duchessa del Ducato di Milano
 Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano Hq7ADXm Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano LboVYF7

 Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano Dc6a4004e86e8d7366321309f4ab9b5b
Gran Ciambellano del Ducato di Milano
 Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano 1rZO1k2

Per Modena:

Rodolfo Edoardo Cybo-Malaspina

Duca di Modena
 Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano BpnmL0F

 Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano XLJzIBd
Gran Ciambellano del Ducato di Modena
 Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano Gciamb10
Torna in alto Andare in basso
 
Trattato cooperazione giudiziaria Modena e Milano
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» 028556457 Pronto, parlo con l'esorcista?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Palazzo Ducale di Modena :: Biblioteca di Palazzo Ducale :: Archivio dei Trattati :: Regni Italici-
Vai verso: